Carla Bruni, esordio col caso Betancourt

Parigi. Ieri a Parigi c’è stata la prima uscita pubblica di Carla Bruni in veste ufficiale di première dame. L’occasione è stata fornita dal sesto anniversario del rapimento della ex parlamentare franco-colombiana Ingrid Betancourt.
Resterà così associata a una vicenda di grande interesse umano e internazionale la tanto attesa prima uscita ufficiale della neo-prima donna di Francia: il presidente Sarkozy e signora hanno ricevuto i familiari della ex deputata da sei anni ostaggio della milizia di estrema sinistra Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) in questa giornata di mobilitazione per il suo rilascio e quello degli altri ostaggi ancora nelle mani dei ribelli colombiani.
Oltre ai due figli della Betancourt, la coppia presidenziale ha ricevuto anche l’ex ostaggio ed ex parlamentare colombiana Consuelo Gonzalez, rilasciata lo scorso gennaio dalle Farc, che ha «detto grazie alla Francia, al presidente Nicolas Sarkozy e al popolo francese per la loro mobilitazione».
Il presidente francese negli ultimi mesi ha fatto della liberazione di Ingrid Betancourt una delle sue priorità diplomatiche. Una causa verso la quale anche la nuova consorte sembra aver mostrato particolare interesse.
Il primo viaggio ufficiale all’estero di Carla Bruni quale consorte del presidente francese è previsto tra un mese: la coppia dell’Eliseo visiterà la Gran Bretagna. E solo a partire da quell’occasione si potrà cominciare a valutare se la nuova visibilità di Carla Bruni al suo fianco gli restituirà la popolarità fin qui perduta.