Carla e Marion: le attrici incinte che si notano per l’assenza

Cannes. A volte ci si fa notare di più se non si viene. Soprattutto se si è incinta. Così tra le tante star in arrivo, da Woody Allen a Penelope Cruz ad Antonio Banderas, spiccano due assenze. Quella di Carla Bruni e quella della bellissima attrice Marion Cotillard. Quest’ultima incinta sul serio, tanto che è arrivata agli ultimi giorni di gravidanza. Invece per madame Sarkozy le voci continuano a rincorrersi. Intanto Woody Allen, il regista per cui Carla ha girato una particina, arriverà stamattina con Soon Yi e famiglia, per partecipare alla premier mondiale di Midnight in Paris che aprirà fuori concorso Cannes 64. Adrien Brody, Owen Wilson, Rachel McAdams sono invece già in circolazione, avvistati al Martinez, uno degli hotel clou del festival. Carla Bruni ha definitivamente sciolto la riserva ieri: oggi non ci sarà e nella dichiarazione diramata quelle «ragioni personali», oltre che «professionali» hanno rafforzato il gossip tormentone che vorrebbe la premiere dame di Francia in stato di gravidanza, evento che la moglie del presidente Sarkozy non si è mai preoccupata di smentire. In ogni caso quelle poche scene in cui appare in Midnight in Paris bastano da oltre un anno a far parlare del film (e di lei), dunque Woody Allen non può lamentarsi. «Sognavo di andarci e mi dispiace - ha detto Carlà in un’intervista a Rtl - Mi dispiace molto non solo perché mi sarebbe piaciuto essere con gli altri attori e rivederli, essere vicina a Woody Allen, anche se la mia parte è piccola, ma anche perché trovo che il Festival di Cannes è un grande festival».
Carla si è detta «curiosa, molto curiosa» anche del film La conquete di Xavier Durringer sull’ascesa al potere del marito, fuori concorso il 18 maggio. La premiere dame d’Oltralpe ha detto che andrà «sicuramente a vederlo» al cinema anche se ha ammesso di essere «un po’ preoccupata».
Non mancheranno domani sera altre bellezze, come la grintosa Melanie Laurent, che il pubblico italiano ben conosce per Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino e per Il concerto di Radu Milaneau, e che in abiti Dior post Galliano, sarà la madrina della cerimonia di apertura. Gong Li, Aishwarya Rai, Inès de la Fressange, Aimee Mullins sono annunciate da uno degli sponsor del festival.