Carleen Anderson vocalist al Blue Note

Franco Fayenz

I jazz club milanesi tendono a riservare al lunedì dei programmi speciali. Il Blue Note ospita oggi nella sala di via Borsieri 37, dalle 20.30 in poi, una serata Jazz & Food con la partecipazione di Manomanouche, una gipsy jazz band già nota e apprezzata, che accompagna una cena con cibi di Sardegna. Domani, con il ritorno al consueto orario delle 21 e 23.30, arriva il gruppo di Stanley Clarke, leggenda vivente del contrabbasso e del basso elettrico, che si trattiene fino a giovedì 21 settembre. Il 22 e 23 va in scena la vocalist americana Carleen Anderson, da tempo inglese di adozione.
Domani è attivo anche il Caffè Doria Jazz Club (via Doria 22, ore 22) che ha in programma il trio di Laura Fedele e giovedì 21 il trio di Paolo Tomelleri.
I due musicisti sono presenti mercoledì 20 anche alla Salumeria della Musica (via Pasinetti 2 angolo via Ripamonti, ore 22) dove Tomelleri dirige la sua big band di 18 elementi con la partecipazione appunto di Laura Fedele. Venerdì alle 22.30 suona il quartetto dei fratelli Pepe e Pancho Ragonese.
Giovedì 21 inizia al Teatro Manzoni (ore 21) la stagione 2006-2007 dell’Aperitivo in Concerto. L’apertura è affidata a Laurie Anderson (violino, tastiere, voce recitante). La performer propone The End of the Moon, nella quale immagina di guardare la Terra dalla Luna ponendosi domande sull’infinito, il futuro e il senso della bellezza.
Sabato 23 alle 17.30 si inaugura presso la Società Umanitaria, in via Daverio 7, la XIII edizione dell’Atelier Musicale con un omaggio alla carriera del batterista Gianni Cazzola che si presenta con nove «amici».