Carlo Conti torna alla riscoperta dei «Migliori anni»

Non c’è dubbio: la nostalgia, soprattutto se in musica, continua a fare il suo effetto. Non sorprende quindi che da stasera, su Raiuno, torni «I migliori anni»: lo show canterino condotto da Carlo Conti in cui, col pretesto di mettere in gara fra loro i decenni italiani dal ’50 ad oggi, lo spettacolo nasce soprattutto dalla memoria. I personaggi, i fatti, le curiosità, ma soprattutto le canzoni pescate in oltre mezzo secolo di ricordi, riscossero un tale successo fra i telespettatori della scorsa primavera, da imporre una seconda edizione autunnale. «Che certo si presenta più difficile - ammettono gli autori del programma -, ma che viene incoraggiata dal successo degli altri varietà di Raiuno in qualche modo legati alla nostalgia, come il recente Tutti pazzi per la tele della Clerici». A condurre la gara ancora Carlo Conti, stavolta attorniato da una bionda, Sofia Bruscoli, e da una mora, Roberta Giarrusso. Ad aprire la contesa saranno gli anni ’70 contro i ’50: i primi rappresentati da Little Tony, Enzo Jannacci, Demis Roussos, i Mungo Jerry e Umberto Tozzi; i secondi da Teddy Reno, Carla Boni, Tonina Torrielli, i Diamonds. A rappresentare la bellezza dei rispettivi decenni, Gloria Guida e Silvana Pampanini. Oggetti autentici, filmati d'archivio e testimonianze di protagonisti faranno rivivere i nostri ricordi. Mentre a decretare quale fra essi sia il «migliore», sarà la consueta giuria composta da 100 diciottenni.