Carlo Felice Compleanno del «Cauriol»

L’infanzia da sfollato sui monti del Trentino. Quei canti che fanno venire un po’ di nostalgia, e che insieme riscaldano come l’abbraccio di chi ti vuol bene. C’è tanta vita dentro il Coro del Monte Cauriol, che compie 60 anni e li festeggia domani al Carlo Felice con una serata di quelle destinate a restare nei cuori. Tutto nasce, infatti, dall’esperienza di Armando Corso, ragazzino genovese sfollato per la guerra, appunto, e che nel 1949, una volta all’università, incontra altri tre ragazzi che condividono con lui la passione per il canto di montagna. «Cantavamo nel giardino della facoltà di Ingegneria - ricorda -, tra una lezione e l’altra e in poco tempo altri si erano uniti a noi ed eravamo una dozzina». Alla fine dell’anno accademico 1949-1950, l’incontro con un gruppo di studentesse di Sestri Ponente, dell’azione cattolica, fa sì che il coro vada «in tour» nel ponente genovese con ben tre concerti. «Da lì - sorride Armando Corso - non ci siamo fermati più». E tra amori, passione per il canto e pure qualche matrimonio è andato avanti il sodalizio di quei giovani che diventati grandi hanno saputo trasformare un hobby in qualcosa di grande. I premi sono arrivati presto e oggi il coro conta su oltre 1200 concerti, dieci 33 giri, alcune musicassette e alla fine anche 8 cd. «Ora siamo sessanta - continua il capostipite - e anche se la mia voce non è più quella che mi consentiva certi toni alti, canto ancora con la più grande gioia». Quella gioia di vivere che il Coro del Monte Cauriol vuol dividere con i genovesi domani sera al teatro lirico. Il programma sarà basato sui canti di montagna, degli Alpini e di tradizione popolare con l’inserimento - come poteva essere altrimenti? - di alcuni canti natalizi e la presentazione di alcune novità.
Per entrare come allievi non è necessaria la conoscenza perfetta della musica o una voce da tenore lirico, ma è importante aderire allo spirito che anima da sempre il Cauriol: l’inserimento in organico avverrà gradualmente in base al progressivo apprendimento del repertorio. Per domani sera il costo del biglietto primo settore è di 18 euro.