Carlo Felice Dirigenti contestati nei corridoi

Turbolenta riunione, ieri mattina, al Carlo Felice, dove i vertici (il sovrintendente Giovanni Pacor e il direttore di staff e neoconsigliere d’amministrazione Renzo Fossati) hanno incontrato le rappresentanze sindacali per fare il punto sulla situazione e comunicare ufficialmente la decisione di avviare le procedure per la cassa integrazione in deroga. Momenti di forte tensione con molti dipendenti che hanno gremito i corridoi del Torrione contestando apertamente i dirigenti. Il fronte sindacale si è diviso in due tronconi, anche se in realtà è pressoché unanime la posizione contraria alla cassa integrazione in termini immediati e incondizionati, con sfumature diverse circa il prossimo futuro. EistelCisl, UilcomUil, FialsCisal, Snater e Libersind hanno contestato la decisione con un duro comunicato in cui vengono avanzati dubbi sulla reale situazione finanziaria e si pongono accuse all’attuale gestione circa le modalità con cui è stata affrontata la situazione: «Se come sembra in questo caso, il problema prevalente è la mancanza di liquidità, ebbene un Cda ha l’obbligo di risolvere tale problema o di riconoscersene incapace e passare la mano».Intanto la Cgil chiede di conoscere l’asatta situazione finanziaria. Da parte del vertice del Teatro, Renzo Fossati dice «Il nostro problema è il 1° settembre, noi non sappiamo come pagare gli stipendi».