Carlo Felice, il sipario si alza con lo sciopero

Sciopero e blocco del concerto di apertura della prossima stagione sinfonica del Teatro Carlo Felice di Genova. È la minaccia dei sindacati autonomi che ieri, con una lettera, hanno chiesto un incontro urgente con Marta Vincenzi, presidente della Fondazione del teatro e sindaco della città, e con il Consiglio d’amministrazione. La volontà è «definire un piano condiviso sul futuro assetto dirigenziale, sul piano di sviluppo triennale e sul fondo pensione». Fisal-Cisal, Snater, Libersind e Uilcom-Uil prendono atto «dell’assoluto silenzio da parte della direzione in merito alle ripetute denunce sulle disfunzioni e sui grossolani errori che hanno fortemente danneggiato il teatro con conseguente sperpero di denaro pubblico dovute a precise responsabilità dei dirigenti». Un duro atto d’accusa, dunque, con il quale i sindacati lamentano anche la mancanza di adempimento a quanto previsto dal contratto nazionale in merito alle relazioni sindacali. Se non ci saranno risposte tempestive i sindacati minacciano lo sciopero.