Carlo Felice, in vista un nuovo sciopero

Scontro di nuovo aperto, al Carlo Felice, dopo la tregua che per un attimo aveva fatto ben sperare in una ripresa regolare della stagione artistica. Ora a rischio è «Il Trovatore» di Giuseppe Verdi, in programma il 7 marzo, per uno sciopero nuovamente proclamato dalle sigle sindacali Fials-Cisal, Snater e Libersind, che potrebbe coinvolgere una larga parte dei dipendenti della Fondazione, ancora insoddisfatti sul piano economico e sulla concertazione artistica e ancora una volta ai ferri corti con il Sovrintendente Gennaro Di Benedetto. Nel nulla sembrano cadere le promesse del sindaco, a nulla sembra portare l'arrivo del nuovo direttore artistico Cristina Ferrari: da vedere chi scenderà a patti. Duro il commento del sindaco Marta Vincenzi: «È un’azione che può isolare il teatro dalla città».