Il «Carlo Porta» a Tedeschi e ai Vianello

Daniele Carozzi

Sarà un pomeriggio tutto meneghino al San Babila la 41ma edizione del «Premio Carlo Porta», che quest’anno verrà consegnato all'attore Gianrico Tedeschi ed alla coppia Mondaini - Vianello. Coincidenza vuole che i premiati della milanesità 2005 appartengano, anche se in aree distinte, al mondo dello spettacolo. Attore ironico, versatile e sulla scena dal 1947, il milanese Gianrico Tedeschi ha dato lustro alla città della Madonnina con la recitazione di testi classici, da Brecht a Pirandello, da Goldoni a Shakespeare, dedicandosi anche alla commedia musicale e al cinema. A lui spetterà una delle statuette del celebre poeta milanese, realizzata dallo scultore Domenico Greco.
L'altra sarà invece consegnata ai coniugi Vianello, Sandra e Raimondo, attori cinematografici, comici di raro garbo e antesignani dei «reality show» televisivi con la popolarissima «Casa Vianello».
La consegna dei premi avverrà il 30 novembre, alle 17,30 al teatro San Babila (destino vuole vicino alla chiesa dove venne battezzato Carlo Porta), nel suggestivo contesto di sonetti del Porta recitati da Bernardo Lupani, Giuliana Rivera e Liliana Feldmann (premio Carlo Porta nel 2002). Condurrà la serata il direttore di Radio Meneghina, Tullio Barbato, mentre farà da valletta la bellissima Gloria Anselmi, già testimonial della Facco Spa (azienda milanese e sponsor del premio) e «letterina» in «Mai dire lunedì».