Carlo sfida la madre: vuole fare regina Camilla

Sono molti a vedere in William il futuro della monarchia

da Londra

Chissà, forse a lei il ducato di Cornovaglia basterebbe, ma Carlo la vuole Regina. Sembra proprio essere questo il segreto desiderio dell’erede al trono d’Inghilterra, almeno secondo le indiscrezioni contenute in un nuovo programma dell’emittente televisiva Channel Four, tutta dedicata alla seconda consorte del principe. La trasmissione ripercorre attraverso testimonianze e interviste ad amici comuni e dipendenti della coppia, la lunga storia amore sbocciata tra l’ex signora Bowles e il primogenito di Elisabetta quasi trent’anni fa e conclusasi poi per entrambi in un secondo matrimonio che appare andare a gonfie vele. Il coronamento di quella che in fondo era però soltanto una relazione extraconiugale non sembra essere sufficiente a Carlo che sta impegnandosi al massimo perché l’opinione pubblica sia disposta, a tempo debito, ad accettare Camilla non solo come consorte del futuro re del Regno, ma come nuova Regina.
Un’inversione di tendenza non facile, non tanto perché adesso la gente detesti la Duchessa, quanto per il passato non proprio cristallino del loro sodalizio. Dopo la morte prematura di Diana, nessuno avrebbe neppure mai potuto prendere in considerazione che Carlo potesse finalmente convolare a nozze con la sua amante. In seguito però, la situazione era molto cambiata e perfino il più tradizionalista degli inglesi si era abituato alla presenza ufficiale di Camilla a fianco del Principe. Bruttina, ma alla mano, sorridente e incurante della moda, quella signora di mezz’età dal profilo cavallino alla fine non era poi sembrata così diabolica come le cronache mondane avevano voluto dipingerla quando la loro scandalosa relazione era stata resa pubblica. Nel 2005, quando fu annunciato il loro matrimonio, i sondaggi affermavano che il 65% della popolazione accoglieva favorevolmente la nuova unione. Soltanto il 7% però riteneva che Camilla dovesse diventare Regina un giorno. Tanto che Clarence House, in una cauta nota stampa aveva sottolineato che nel caso Carlo fosse succeduto alla madre la «signora avrebbe mantenuto il titolo di principessa consorte». Né Camilla aveva mai fatto capire di ambire a titoli diversi. Il programma di Channel Four invece rivela la campagna mediatica pensata per restituire una verginità alla reputazione della duchessa tanto da poter far sì che venga accettata come Regina a fianco di Carlo. Il regista pone inoltre lo spettatore di fronte a una riflessione interessante chiedendosi se davvero Camilla possa essere in grado di offrire nuove speranze per il futuro della monarchia britannica.
Va detto peraltro che l’evento potrebbe rimanere per sempre soltanto un’ipotesi dato che la successione di Carlo al trono d’Inghilterra non è mai stata scontata e spesso nel passato gli esperti reali hanno indicato il principino William come successore più probabile. Proprio una recente trasmissione di Channel Four, mandata in onda in occasione del cinquantesimo compleanno del principe, aveva mandato su tutte le furie Carlo perché lo ritraeva come un uomo debole e intrigante, incapace di essere in futuro un buon re. Probabilmente è anche per questo motivo che i suoi uffici si sono rifiutati di collaborare al nuovo programma su Camilla. A ogni modo, una sua possibile incoronazione a Regina sarà una questione difficile da affrontare per il governo che dovrà dimostrarsi molto sensibile ai sentimenti dell’opinione pubblica. Secondo la legge lei diverrebbe automaticamente Regina, ma la consuetudine nelle ultime generazioni ha spinto i mariti e le mogli dei regnanti a possedere solo il titolo di principessa consorte. Carlo però si augura di cambiare la tradizione, sperando che il suo popolo l’abbia già accettata come futura sovrana.