La Carlucci resta senza bon ton Pupo in soccorso col karaoke

Al posto di «Uomo e Gentiluomo», al venerdì su Raiuno ci sarà «Chi fermerà la musica»

da Milano

Giocatore d’azzardo lo è per natura. La scommessa c’è l’ha nel sangue. E, così, anche questa volta accetta la sfida: sarà Pupo a mettere una pezza al flop dello show Uomo e gentiluomo di Raiuno e a gareggiare contro I cesaroni che hanno debuttato alla grande su Canale 5 venerdì scorso. Dunque, il varietà che avrebbe dovuto insegnare il bon ton ad alcuni vip, crollato al 13 per cento di share, chiude dopo due sole puntate. Al suo posto, per quattro settimane, Chi fermerà la musica, un karaoke senza gobbo (basato sulla memoria) condotto, appunto, da Enzo Ghinazzi. Il game show musicale, prodotto da Endemol, era già stato sperimentato a dicembre sull’ammiraglia Rai con ascolti abbastanza buoni e si pensava di farne un giochino da access prime time (cioè subito dopo i Tg) estivo. Vista la malaparata, a Raiuno si è ripescato il format e si è deciso in tutta fretta di rimetterlo in onda: se in pochi giorni si riusciranno a mettere insieme cast, studio e scaletta, si comincia già questo venerdì, altrimenti si rimanda a settimana prossima. Anche per Pupo non sarà facile trovare il momento per registrare: in programma nelle prossime settimane ha una tournée in Russia e quaranta date del suo spettacolo teatrale dedicato al mondo del gioco d’azzardo, Il grande croupier, in versione aggiornata. Ma ormai il cantante si è specializzato nell’arte del «soccorso» al primo canale Rai. Ci è riuscito quando venne chiamato a condurre Affari tuoi al posto di Bonolis, occasione che gli ridiede una grande popolarità. Ora deve affrontare un’altra sfida difficile, in cui ha lasciato le penne Milly Carlucci: al venerdì la fiction dei Cesaroni ha preso il volo e recuperare spettatori non sarà certo facile. Lo show prodotto dalla Ballandi, in una nota Rai viene dichiarato «sospeso». «Come è noto - cerca di giustificarsi l’azienda di Stato - il periodo che precede la garanzia primaverile di Raiuno è da sempre destinato alla sperimentazione di nuovi programmi. Nel caso di Uomo e Gentiluomo le prime due puntate hanno evidenziato la necessità di procedere a un ripensamento dell’intero format prima di poterne riproporre una nuova versione». In effetti, il programma era uno dei pochi titoli nuovi mandati in onda a inizio 2008: peccato però che la realizzazione fosse ben al di sotto degli standard del primo canale. Eh sì che la Carlucci e il suo staff avevano fatto di tutto per garantire il maggiore spazio orario possibile allo show tanto da far infuriare, la scorsa settimana, i giornalisti di Tv7 che si erano visti cancellare il programma di approfondimento (in onda subito dopo), ripristinato dopo le proteste. Alla fine era stato tolto dalla scaletta I Soliti ignoti, nella speranza di raccogliere gli spettatori di Fiorello. Sforzi che si sono rilevati vani.