Caro libri, un salasso fino a 500 euro

inizia la scuola e le famiglie guardano con preoccupazione al portafogli. E torna a vivaccizzarsi il mercato dell'usato, che consente risprmi dal 40 al 50%

Roma - Sara' pure, come dicono gli editori, che il 62% dei libri scolastici in commercio ha un prezzo identico a quello dello scorso anno, ma questo consola poco i genitori con figli alle superiori che devono sborsare fino a 500 euro per il parco-libri della prole. A pochi giorni dall'avvio delle lezioni, a Milano le famiglie guardano con preoccupazione al proprio portafoglio: occorrono infatti in media 300 euro per acquistare i testi scolastici necessari a chi e' iscritto alla prima classe di un liceo, mentre gli istituti tecnici, secondo dati di Altroconsumo, prevedono un esborso di circa 270 euro. Cifra piu' contenuta, anche se di poco, per l'ultima classe: una media di 180-190 euro per i tecnici e una cifra di poco inferiore ai 300 euro per i licei.

Piu' vivace che mai, di conseguenza, il mercato dell'usato, capace di garantire un risparmio netto anche del 40% sul prezzo di listino. Un'altra strada percorribile, alle latitudini lombarde, ma soltanto da chi sui libri sgobba davvero, e' guadagnarsi la 'dote di merito' messa a disposizione ogni anno dalla Regione: mille euro per chi ha superato le scuole medie con votazione 'ottimo', e 500 euro per ogni anno di superiori nel corso del quale si e' mantenuta la media almeno del 7 e mezzo. Unico requisito e' che il valore dell'indicatore della situazione economica familiare (Isee) sia inferiore o uguale a 20 mila euro. Un esempio, questo, seguito anche da due storici istituti milanesi come il Collegio San Carlo, che mette in palio 300 euro per il primo della classe, 200 per il secondo e 150 per il terzo, e il Liceo scientifico Einstein con un bonus da 200 euro per chi vanta una media dell'8 o piu'.

Inizio d'anno 'salato' anche per le tasche dei genitori romani che hanno iscritto i figli alle superiori. Se la spesa risulta piu' alta nei licei classici e scientifici arrivando per il primo anno fino a quota 500 euro, anche negli istituti tecnici c'e' poco da gioire. A far lievitare la spesa nei licei sono senz'altro i vocabolari di greco e latino: il primo raggiunge i 93 euro, l'altro si ferma a 88. In un liceo, per chi si iscrive al primo anno, la spesa arriva anche a 500 euro. Negli istituti professionali, spiegano i librai, sempre per chi e' al primo anno, il 'tetto' e' 350 euro. L'ultimo anno delle superiori, esami di maturita' a parte, si affronta, invece, con meno affanno, almeno dal punto di vista economico: i prezzi scendono anche di 200 euro, perche' la maggior parte dei libri sono gia' in possesso degli studenti dal terzo anno. Ai licei non si superano i 300 euro di spesa, ai tecnici si spendono meno di 200 euro.

Anche nella Capitale, come scappatoia contro il caro-libri, e' fiorente il mercato dell'usato, sia nei mercatini (quello storico a Roma si trova al Lungotevere Oberdan) sia nelle librerie: qui i testi sono scontati anche del 40-50%. Ulteriore chance quella offerta da alcuni supermercati dove si possono prenotare e acquistare testi scolastici con lo sconto del 15%.