Caro Del Ponte, la temperatura scende o sale?

Questa lettera è indirizzata al meteorologo Sergio Del Ponte, al quale vorrei intanto chiedere se per caso è parente del Prof. Andrea Del Ponte. Ciò detto, passo al motivo della missiva.
Nell’interessante articolo, di recente pubblicato sull’edizione genovese de Il Giornale, il Sig. Del Ponte riporta dati statistici che dimostrano, se non ricordo male, la costante ascesa, dal 1994 al 2004, della temperatura media annuale, nella città di Genova; se ne potrebbe dedurre che, permanendo la tendenza, fra qualche decennio, se saremo ancora vivi, andremo praticamente arrosto. Sarei grato al Meteorologo se potesse attingere fra i suoi dati, quelli relativi agli anni che vanno dal 1973 al 1986.
Infatti, il mio ricordo, epidermico beninteso, riferisce di inverni ’74, ’75, ’76 molto miti, di una «fredda» estate 1980 e di rigidi inverni ’85 e ’86.
In conclusione scommetterei, magari perdendo, su di una discesa complessiva della temperatura media, in quegli anni.
Se il mio ricordo fosse suffragato dai dati statistici, mi sentirei confortato nella mia impressione circa il fatto che i mutamenti climatici vanno analizzati su base secolare, se non millenaria e non decennale.
Grato sin d’ora per un’eventuale risposta, porgo i miei più cordiali saluti