Caro Salvini, tolga il segreto di Stato

Si riapre il dibattito sul terrorismo rosso. Quante carte ancora non conosciamo...

La cattura, estradizione e confessione del terrorista Cesare Battisti, colpevole di quattro omicidi, ha riaperto la porta a interpretazioni degli Anni di piombo che tornano indietro di cinquant'anni sul piano delle acquisizioni storiche. Su Repubblica abbiamo letto analisi che rasentano l'assurdo. Secondo Francesco Merlo, la verità sarebbe «che, in generale nella guerra al terrorismo e nel caso Battisti in particolare, la sinistra italiana ha dato la prova migliore della sua storia che, pur scombiccherata, è ora di nuovo calunniata». Secondo Michele Serra, «non solo non è vero che la sinistra ha protetto Cesare Battisti. È vero, al contrario, che il terrorismo rosso, anche perché isolato e combattuto dalla sinistra di massa (partiti e sindacati) ha pagato quasi al completo, e nel dettaglio i suoi conti con la legge» a differenza dello stragismo nero, del tutto impunito.

Merlo e Serra si schierano così contro cinque decenni di storiografia, e tonnellate di documenti, che hanno acclarato l'esatto contrario rispetto alle loro elucubrazioni. Riassumo in breve. Il punto di forza della propaganda targata Kgb fu instillare nei militanti (e non solo) l'ossessione del complotto anticomunista ordito dalle forze oscure della reazione per impedire al Pci di arrivare democraticamente al potere. Il Pci ha sempre considerata valida l'idea di una insurrezione armata e disponeva dei mezzi necessari per realizzarla. L'apparato militare non era esterno al partito ma interno ad esso e prevedeva una struttura clandestina intrecciata con l'Anpi e la Figc. La risposta dello Stato fu la creazione di Gladio, un programma di risposta rapida a un'eventuale aggressione delle forze del Patto di Varsavia, facilitata dalla quinta colonna (la Gladio rossa) dei comunisti italiani. Appare evidente che alcuni militanti, in numero sufficiente da creare gravi problemi, siano stati addestrati alla guerriglia e al sabotaggio in Cecoslovacchia. Il governo Tambroni, appoggiato dall'Msi, e gli scontri del 1960 sono un punto di svolta: torna in campo il mito di un fascismo eterno che minaccerebbe l'Italia; l'emergenza antifascista è dunque continua e indispensabile. È la nuova politica del Pci, che ancora influenza, in modi diversi, gli eredi di quella storia. Il colpo di Stato potrebbe essere realizzato con l'ausilio degli Stati Uniti: l'anti-americanismo entra nella agenda politica dei militanti. Il pacifismo dei comunisti europei era uno strumento sovietico da interpretare nel quadro della Guerra fredda e sparì non appena l'arsenale atomico dell'Urss divenne competitivo. Il terrorismo di sinistra non era improvvisato dal punto di vista ideologico e neppure da quello militare: appartiene alla tradizione eversiva coltivata dal partito. Racconta l'ex brigatista Alberto Franceschini: «Le Br attinsero armi dai depositi dei partigiani e alla fine degli anni Sessanta io stesso in un fienile in mezzo alla campagna, poco fuori di Reggio Emilia, venni condotto in un arsenale; trenta, quaranta mitra Sten, perfettamente oleati e con caricatori in abbondanza».

Non si vuole qui affermare che la storia del Pci si risolva solo in questo e neppure affermare che la lotta armata fosse uno sbocco inevitabile. Non si vuole sottovalutare il peso del terrorismo nero e dello stragismo: i documenti, anche in questo caso, ci sono ma sono materia per un altro articolo. Premesso tutto questo, i legami culturali (e a volte materiali) tra terrorismo e Pci non sono più in discussione. È anche noto, grazie ai lavori della Commissione Mitrokhin guidata da Paolo Guzzanti, che lo Stato italiano si dimostrò distratto nel valutare le decine di documenti trasmesse dai servizi segreti inglesi e relativi, tra le altre cose, agli agenti del Kgb sotto copertura in Italia. Singolare. Infatti Vasilij Nikitich Mitrochin, ex archivista del Kgb, dissidente in Gran Bretagna, aveva copiato migliaia di schede, messe a disposizione dell'MI6. Era una fonte di prima mano, nonostante si cercasse di farlo passare per un personaggio di secondo piano in possesso di materiale di secondo piano. Falso. Mitrochin aveva accuratamente selezionato e criptato le informazioni che intendeva condividere con le forze del Patto Atlantico. Questo non significa che anche i suoi documenti non debbano passare all'attenta considerazione degli studiosi, per valutarne la veridicità.

La bibliografia è ormai sterminata. Ne trovate una piccola parte in queste pagine. Ma qui vogliamo introdurre un altro tema che mostra quanto Michele Serra sia lontano dal vero quando afferma che la sinistra ha pagato per intero il conto con la legge. Lasciamo perdere i latitanti e parliamo di archivi: una parte dei documenti relativi alla Gladio rossa è stata pubblicata nel 2001 da Gianni Donno (La Gladio Rossa del Pci 1945-1967, introduzione di Piero Craveri, Rubbettino editore) e da Gian Paolo Pellizzaro (Gladio rossa, Settimo sigillo, 1997). Altri documenti provenienti dagli archivi sovietici sono stati portati alla luce dai lavori fondamentali di Elena Aga-Rossi e Victor Zaslavsky. Testimonianze di parte americana sono state raccolte da Salvatore Sechi e altri. Avete notato? Manca giusto il lacunoso archivio del Pci. Che strano.

Ci sono ancora fatti e nomi che attendono di essere scoperti e studiati. Vado in ordine sparso: gli agenti di influenza infiltrati dal Kgb ai massimi livelli della classe dirigente italiana; i referenti politici ed economici del Kgb all'interno del Pci; gli agenti di influenza infiltrati dalla Cia ai massimi livelli del Pci; l'ampia zona rossastra costituita da chi faceva da tratto d'unione affinché terroristi e Stato o terroristi e Pci potessero parlarsi; il peso dei servizi segreti di Stati del Patto di Varsavia in alcuni snodi fondamentali della storia italiana, dal rapimento di Aldo Moro all'attentato a Giovanni Paolo II.

Non abbiamo il feticcio dei documenti: vanno inventariati, capiti e studiati. Possono essere veri o falsi. Possono raccogliere una parte della verità e possono farlo in buona o cattiva fede. Ma ci sono ancora molti documenti di quegli anni inaccessibili perché coperti da segreto di Stato o sepolti da pastoie burocratiche. Chiediamo al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dell'Interno Matteo Salvini e al ministro degli Esteri Enzo Moavero di de-secretare il materiale d'archivio o di facilitarne l'accesso per procedere nel lungo cammino della verità, per quanto possibile e nel rispetto delle eventuali opinioni contrapposte degli storici.

Commenti

leopard73

Dom, 07/04/2019 - 10:14

Non è ancora ora di rendere pubblico dell'omicidio di Moro lo faranno tra qualche anno quando i responsabili saranno tutti Morti così e L'ITALIA!!!

Ritratto di navajo

navajo

Dom, 07/04/2019 - 11:06

Mario Tuti, terrorista di destra ha scontato 38 anni di carcere, ed ora è in semi libertà, non libero come tutti i BR o Prima Linea; Giusva Fioravanti, 26 anni di carcere di cui 8 in isolamento, ecc. Dall'altra parte si può iniziare con la grazia alla contessina Pirri Ardizzone e via di seguito. La verità è proprio il contrario di quello che dice Repubblica.

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Dom, 07/04/2019 - 11:13

veramente il senatore Pellegrino, nel libro intervista SEGRETO DI STATO edizioni EINAUDI afferma che i vertici del PCI conoscevano i "brigatisti rossi" perchè erano iscritti al partito e poi fuorusciti per inserirsi nelle fila dei rivoluzionari. Afferma anche che le prime armi furono loro fornite dai partigiani che non erano mai stati completamente disarmati. Sempre secondo Pellegrino , quando le BR oltrepassarono un certo limite con le aggressioni, il PCI inviò a parlamentare con loro tale Ingrao per convincerle ad abbassare lo scontroc on lo stato.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 07/04/2019 - 11:25

Se lo fa prima che si possa guardare qualche manina fa sparire tutto. Saltetebbe fuori che il pci era un partito di traditori.

DRAGONI

Dom, 07/04/2019 - 13:14

SOPRATTUTTTO SULLA SEDUTA SPIRITISTICA DI PRODI DOVREBBE ESSERE FATTA UN PO' DI LUCE!

Mannik

Dom, 07/04/2019 - 14:19

@navajo - Forse è meglio se si fa una cultura prima di scrivere idiozie: https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/anni-piombo-terroristi-dove-sono-oggi/da05537e-4fb5-11e8-add4-a53a42c91877-va.shtml

rosolina

Dom, 07/04/2019 - 14:25

se siete certi di voler sapere la verità, allora potevate leggerla anche prima nei libri di Imposimato...la verità sta spesso sotto il naso, tutto sta che la gente la voglia sapere

lorenzovan

Dom, 07/04/2019 - 15:15

ci sarebbe da piangere...verrebbe fuori come le BR fossero infiltrate dai servizi segreti..italiani e usa..deviati e non deviati...e come lsa fine di moro e del compromesso storicpo fosse stata decisa oltreoceano...anzi io rifarei l'autopsia a berlinguer...certe morti improvvise allora non destavano sospetti...oggi invece...ne sappiamo molto di piu' su certi metodi dei nostri alleati-...

Klotz1960

Dom, 07/04/2019 - 15:19

Delle Brigate Rosse e del sequestro Moro si sa tutto, proprio tutto. Sono altre le questioni di terrorismo ancora non chiarite.

diesonne

Dom, 07/04/2019 - 16:58

diesonne della morte di BERLINGUER SI POTREBBE CHIEDERE ALLA FIGLIA GIORNALISTA CHE POTREBBE DIRE QUALCOSA DI SUO PADRE E DI CHI GLI NSTAVA INTORNO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 07/04/2019 - 17:25

@Mannik - ah, si , dobbiamo credere al pensiero unico. Ma va a ciapà di rat.

Ritratto di navajo

navajo

Dom, 07/04/2019 - 18:18

Mannik le idiozie le scrive lei che un komunista. Si legga il libro Storia Nera scritto da Andrea Colombo giornalista, non del Secolo d'Italia ma del Manifesto. E quello che dice la Gabanelli è tutto lo stesso di quello che ha detto dell'olio di palma.