Caro Sant’Antonio ti invoco via mail

Migliaia di mail al giorno, in arrivo dall’Italia, come dall’America Latina o l’Australia. Tra i siti cattolici pochi possono vantare un pubblico così globale come come Carosantantonio.it. E del resto i frati della celebre Basilica patavina, che gestiscono la pagina web in questione, hanno dalla loro il fatto di «rappresentare» uno dei santi più venerati al mondo: Sant’Antonio da Padova. Un’adorazione che ogni anno attira migliaia e migliaia di pellegrini, ma che i frati hanno pensato bene di facilitare ricorrendo al web. Carosantantonio.it ha lanciato quindi un servizio davvero innovativo: dà la possibilità di depositare preghiere e richieste di grazia inviandole via mail. I messaggi vengono stampati e portati direttamente alla Tomba di Sant’Antonio dove i frati perorano con le loro preghiere le invocazioni giunte attraverso Internet.
Il servizio è così cliccato che i frati sono stati costretti a istituire un servizio costante di monitoraggio delle mail: alcuni frati hanno l’incarico specifico di gestire l’imponente traffico di messaggi in arrivo. Cliccando sul sito si possono leggere i messaggi dell’ultimo mese: pagine e pagine di invocazioni. Da «Per la pace in Medioriente e nei nostri cuori» a «Ti consegno l'esame di Procedura Penale. Guidami!», il campionario di preghiere è vasto come l’animo umano. Ed è decisamente lunga anche la lista dei messaggi per preghiera esaudita.