Caro-spesa, caccia allo sconto

«Riempi il carrello con 10 euro», «-30, -40, -50 per cento su tanti prodotti». Le grandi catene di supermercati hanno dato il via alle promozioni di fine estate. «Il consumatore guarda il prezzo, lo sconto. Le promozioni che puntano sulla quantità, come il 3x2 o il 4x2, interessano meno che in passato, nessuno ormai fa scorta», raccontano gli esperti del settore. Alla flessione dei consumi si risponde puntando sui prodotti di primo prezzo, i più economici, e su quelli con il marchio del supermercato. Ci sono poi le offerte sugli alimenti di marca che, spiegano le ricerche, tagliano i prezzi in media del 16 per cento. «Ma non bisogna farsi abbagliare dagli annunci - spiegano le associazioni dei consumatori -. Rincorrere gli sconti in alcuni casi può diventare pericoloso: ha senso cambiare supermercato per comprare un prodotto molto scontato solo se di quel bene si decide di fare scorta. Altrimenti meglio restare fedeli al proprio punto vendita: tutti fanno i ribassi in questi giorni, scontando alcuni beni e recuperando su altri. Se conosco il supermercato rischio meno di cadere nelle trappole».