Una carriera da «museo»

Italo Rota vive e lavora a Milano dal 1996. Dopo aver vinto il concorso per gli spazi interni del Musée d’Orsay, alla fine degli anni Ottanta si trasferisce a Parigi, dove firma la ristrutturazione del Museo d’arte moderna al Centre Pompidou (con Gae Aulenti), le nuove sale della Scuola francese alla Cour Carré del Louvre e la ristrutturazione del centro di Nantes. Tra i principali progetti in corso: la conversione del palazzo dell'Arengario in Museo del Novecento e il teatro museo al Maciachini Center all’ex Carlo Erba.