Carte di credito clonate: arrestati dai carabinieri tre romeni e un cingalese

I carabinieri di San Giovanni hanno arrestato, in due distinte operazioni, quattro persone, tre romeni e un cingalese nel corso di controlli mirati al contrasto della clonazione e fraudolento utilizzo di carte di credito. I primi due, romeni, di 17 e 21 anni sono stati sorpresi, in via Albalonga, mentre tentavano di effettuare prelievi da un bancomat con carte clonate. Durante la perquisizione, successiva all’arresto dei due, i militari hanno ritrovato e sequestrato sette carte di credito e un manoscritto con su erano riportati centinaia di codici numerici evidentemente «reperiti» in precedenza. Il diciassettenne è stato accompagnato presso un centro di prima accoglienza, mentre il complice è trattenuto in caserma in attesa del giudizio direttissimo. Sempre a San Giovanni, una pattuglia ha fermato un romeno di 28 anni e un cingalese di 27 anni in possesso di svariato materiale, che si ritiene venisse utilizzato per mettere in piedi truffe sempre con le carte clonate. Recuperato un computer portatile, un telefono cellulare, documenti abilmente contraffatti, numerose schede telefoniche, e la somma complessiva di 6900 euro, provento delle illecite attività. Il romeno e il cingalese sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per il reato di ricettazione. Dal primo gennaio 2007 i carabinieri del Comando Provinciale hanno eseguito 79 arresti per reati sempre in materia di clonazione.