Con carte d’identità false affittavano alloggi per ospitarvi dei clandestini

Due persone utilizzavano carte d’identità e buste-paga falsificate per prendere in affitto con regolari contratti numerosi appartamenti sparsi nella capitale, che venivano successivamente subaffittati a cittadini stranieri clandestini. I carabinieri della Compagnia Piazza Dante hanno denunciato gli «affittacamere» in stato di libertà per una truffa che ammonterebbe a milioni di euro. I due, di 34 e 31 anni di età, sempre con lo stesso metodo accendevano anche finanziamenti per l’acquisto di autovetture, prodotti elettronici e altro. I militari, nel corso di una perquisizione presso le loro abitazioni, hanno sequestrato numerose carte d’identità, patenti di guida, timbri falsi, intestati ad amministrazioni pubbliche e aziende parastatali, oltre a una numerosi documenti che provavano la loro attività illecita.