Carte ricaricate con la truffa

Avevano escogitato un sistema ingegnoso per ricaricare senza pagare la tessera Postepay, carta prepagata ricaricabile. Per questo due fratelli di 43 e 33 anni sono stati denunciati per truffa. A scoprire il raggiro sono stati i carabinieri di Nervi. I due chiedevano di ricaricare la carta Postepay per importi che andavano dai 50 ai 200 euro e chiedevano di saldare il conto con il bancomat pur sapendo che non c’era. Quindi chiedevano di poter andare a fare un prelievo fuori e scomparivano.