Cartelli errati, Linate cambia la segnaletica

«Cartelli sbagliati, a Linate impossibile multare». La scorsa estate, dalle pagine del Giornale, si era levato il grido di protesta dei «ghisa» impegnati a sorvegliare il regolare transito delle autovetture nel parcheggio antistante l’aeroporto di Linate: cartelli segnaletici inventati, riferimenti scombussolati al codice della strada, attraversamenti pedonali messi dove peggio non si poteva immaginare. Una vera e propria «Babele» della viabilità, insomma, con i «ghisa» costretti a restare con le mani in mano anche di fronte a evidenti infrazioni al codice della strada. «Colpa di Sea - aveva tuonato il delegato Rsu Roberto Miglio -: siamo stanchi di lavorare quasi per niente, visto che la stragrande maggioranza delle multe possono venire contestate, in mancanza di una segnaletica adeguata».
Ma oggi, dopo quel veemente j’accuse, qualcosa sembra essersi smosso. Sea, la società che gestisce gli scali aeroportuali di Linate e Malpensa, ha infatti incaricato il comando dei vigili urbani di piazza Beccaria di ridisegnare in toto viabilità, parcheggi e segnaletica del parcheggio antistante la sezione «arrivi» del terminal: il piano, che verrà presentato ufficialmente oggi ai vigili urbani, dovrebbe entrare in funzione prima della prossima estate. «Una vittoria per tutti i vigili impegnati a Linate - esulta Miglio -: nonostante le difficoltà, però, il nostro impegno non era mai venuto meno. Da oggi potremo lavorare con più efficienza, al servizio dei viaggiatori».