La Casa Bianca è un vero stress Guardate come si diventa...

Il «New York Times» di ieri è impietoso. A soli 45 giorni dalla sua entrata in carica come presidente americano - scrive il quotidiano - a Barack Obama stanno spuntando i primi capelli grigi. È un destino quasi inevitabile, incalza il giornale ricordando il precedente di Bill Clinton, che al momento di entrare alla Casa Bianca la prima volta aveva ancora chiazze di acceso marrone sulla folta chioma e soltanto due anni dopo era completamente bianco. Oltre a pubblicare un paio di eloquenti immagini a confronto dei capelli di Obama, il «New York Times» cita la giornalista e fotografa Deborah Willis, coautrice di «Obama: The historic campaign in photographs» un volume che racchiude circa 5.000 foto. «Ho cominciato ad accorgermene verso la fine della campagna; già il giorno dell’inaugurazione era evidente» dice la Willis. E che fare il presidente degli Stati Uniti sia un lavoro stressante viene confermato dalla storia come dal parere fastidiosamente concorde degli esperti. «I presidenti invecchiano di due anni ogni anno mentre sono in carica» sentenzia spietato Michael F. Roizen, tra i fondatori del sito RealAge, mentre lo stesso «New York Times» ricorda alcuni precedenti illustri, dall’ipertensione sviluppata da Theodore Roosevelt, Woodrow Wilson, Franklin Delano Roosevelt ai problemi di cuore accusati dopo la fine del mandato da Bill Clinton. Insomma date retta: meglio perdere le elezioni...