Casa, il Campidoglio non dà risposte

Massimo Malpica

Tra lettere, rimpalli di responsabilità, distinguo, precisazioni, catene umane e appelli al governo, Roma vive un’altra giornata caldissima sul fronte degli sfratti. Dopo la fine della tregua natalizia, con la comparsa dei «manichini impiccati» di «Mutuo Sociale» per denunciare l’emergenza da destra, e le prime azioni di protesta di Action da sinistra, il braccio di ferro sulla piaga della casa - e su chi è deputato a risolverla - è ricominciato. L’assessore alle Politiche abitative Claudio Minelli, dopo aver tirato in ballo il governo chiedendo una proroga del blocco per arginare l’emergenza, ieri ha bussato alla porta di Achille Serra. «Credo che il prefetto, di cui stiamo apprezzando la sensibilità e l’attenzione ai risvolti sociali dell’emergenza abitativa romana, possa sospendere l’esecuzione degli sfratti fino all’imminente (...)