Casa, mini-aumento dei prezzi: è il più basso degli ultimi 10 anni

La crescita più alta alla Barona In via della Spiga 11.450 euro al metro quadro

Il mercato immobiliare milanese tira il freno a mano. Continua a crescere, è vero, ma segna un sensibile rallentamento, tanto che l’incremento registrato nel secondo semestre 2007, pari all’1 per cento, è il più basso degli ultimi dieci anni. I prezzi, comunque, si mantengono elevati e comperare casa nel capoluogo lombardo costa in media 4.504 euro al metro quadrato. Il panorama è stato fotografato dalla trentaduesima «Rilevazione dei prezzi degli immobili sulla piazza di Milano» realizzata sul secondo semestre 2007 da Borsa immobiliare (azienda speciale della Camera di commercio di Milano) in collaborazione con Fimaa Milano e da un’indagine della Camera di commercio (attraverso Osmi-Borsa Immobiliare) e Fimaa Milano, Collegio agenti d'affari in mediazione della Provincia di Milano, realizzata su un centinaio di mediatori immobiliari.
La situazione si presenta molto variegata, con consistenti differenze da zona a zona sia in termini di valori assoluti che di incrementi percentuali. La crescita maggiore nel secondo semestre dell’anno scorso è data dal 3,1% segnata in periferia dalle zone Barona-Famagosta (3.325 euro al metro quadro) e Montecity-Rogoredo (3.300 euro al metro quadro), seguite a strettissimo giro (+3%) dalla centrale Missori-Santa Sofia. Tra le macro aree nelle quali è stata divisa la città, è la Circonvallazione, ossia quella compresa tra Buenos Aires-Vitruvio e Piceno-Indipendenza, a essere cresciuta maggiormente nel semestre, con +1,3% e una media di 4.378 euro al metro quadrato. Segue il centro storico, con +1,2% (8.161 euro al metro quadrato), mentre l'area Bastioni (da Repubblica-Porta Nuova a Venezia-Monforte ) segna un +1% e 6.328 euro al metro quadrato. La periferia si attesta su +0,6 per cento, con una media 3.222 euro al metro quadrato. In controtendenza, con segno negativo, le aree Salomone-Bonfadini e Nirone-S.Ambrogio, che segnano una diminuzione dei prezzi, rispettivamente, dell’1,9 e dello 0,6 per cento.
I prezzi più elevati, neanche a dirlo, si registrano nel centro storico, con la zona Spiga-Montenapoleone che raggiunge quota 11.450 euro al metro quadrato, mentre le aree più economiche sono in periferia: Ronchetto-Lodovico il Moro, Forlanini-Mecenate e Salomone-Bonfadini, rispettivamente con 2.850, 2.700 e 2.550 euro al metro quadrato.
Stazionari, tra il primo e il secondo semestre del 2007, gli affitti, che costano in media 204 euro per metro quadrato all’anno.
«Il mercato immobiliare milanese - ha commentato Antonio Pastore, presidente di Borsa immobiliare - sembra sempre più polarizzarsi intorno ai prodotti di alta qualità o a quelli molto economici, risulta invece meno interessato ai prodotti di fascia media, una sorta di clessidra che vede assottigliarsi sempre di più la porzione centrale».