La casa si prende, l’affitto non si paga

La benevolenza con la quale la giunta Veltroni cura i rapporti con i militanti di Action fa miracoli e risulta addirittura decisiva quando si tratta di scavalcare la graduatoria ufficiale delle famiglie in attesa da anni dell’assegnazione di una casa popolare. È quanto è accaduto in via Masurio Sabino, al Tuscolano, dove i no-global occuparono un edificio di proprietà dell’Aeronautica militare. Dopo essere stati sgomberati due o tre volte, convinsero il Comune ad acquistare il palazzo. Non solo: i leader dei centri sociali si sono fatti assegnare personalmente gli appartamenti. E fin quando non sarà finita la ristrutturazione dell’immobile, non pagheranno un euro d’affitto. Il tutto, ovviamente, a spese dei contribuenti romani.