Casalinghe (non più) disperate: in sei lezioni il computer è servito

Un grande schermo nero. Un groviglio di fili da districare per poter eliminare i batuffoli di polvere che si sono impigliati nei cavi. E poi come si riattaccano? La ventola che gira all’impazzata: come diavolo si spegne il computer? Scene di «lotta quotidiana», che vede contrapposti casalinghe e il pc, questo sconosciuto. A correre in aiuto delle 80mila casalinghe un libro, appena uscito «Il computer per casalinghe disperate» di Alessandra Samaritani Ruggiero, con la prefazione di Lina Sotis, e il progetto «Donne in rete» di Donneuropee Federcasalinghe, corso base di computer in 6 puntate, sostenuto dall’assessorato alle Pari opportunità di Palazzo Marino. «Avvicinare le donne al computer è molto importante - sottolinea Mariolina Moioli, assessore a Pari opportunità, Famiglia e Politiche sociali del comune -. Una lenta trasformazione, quella tecnologica sta cambiando le nostre vite, forse non ci rendiamo ancora conto della sua portata, ma non possiamo certo rimanerne fuori. L’informatica migliora la vita, l’età non conta, si impara sempre. Per questo abbiamo deciso di sostenere il corso di computer organizzato da Federcasalinghe ed Excellent. Con il computer - continua la Moioli - potrete anche accedere ai servizi a disposizione sul sito del Comune, come la richieste di certificati o di documenti e alle informazioni a disposizione on line».
Il corso gratuito, che si terrà in più edizioni, comincerà il 12 aprile e si svolgerà in sei sedute settimanali di mezza mattinata ciascuna nella sede di Excellent in via Cibrario 4, (MM1 Rovereto) e di un laboratorio per fare pratica una mattina alla settimana nella sede di Federcasalinghe di via F. Sforza 19. Le lezioni si propongono di stimolare l’interesse per l’informatica e di fornire le nozioni base. Gli incontri, monotematici, affronteranno la struttura del computer, i principali programmi, i sistemi di elaborazione di testi, l’uso dei Excel, di Internet e gli usi che si possono fare della rete, i programmi di posta elettronica.
«L’estrema soddisfazione che proveremo quando riusciremo da sole a superare anche solo un piccolo problema “computeresco”... ahh sarà un momento impagabile, il nostro senso di autostima schizzerà a livelli stellari e nel nostro immaginario Bill Gates ci farà un baffo». Questa frase, tratta dallo spiritoso e utile libro di Alessandra Samaritani Ruggiero Il computer per casalinghe disperate (Cairo Editore, 224 pp, euro 13), riassume bene anche lo spirito con cui è organizzato il corso. «Donne non fatevi spaventare dal computer e dalle paura di fare qualche errore, schiacciate i tasti in libertà, non succederà niente di grave» è il «grido» liberatorio dell’autrice, mamma di tre figli, casalinga ed esperta informatica. «Il computer vi semplifica la vita - spiega Alessandra Ruggiero - con internet potrete fare la spesa on line, prenotare un aereo low cost, fare ricerche per i vostri figli, prenotare visite alle mostre, sporgere denuncia. Semplifica la vita e permetterà di risparmiare tempo utile magari per fare altre cose. Il computer diventa uno strumento di lavoro in casa «come un elettrodomestico». Ma c’è anche chi lo usa per scrivere le mail ad amici, per parlare gratis con parenti lontani, che si possono vedere anche con la web cam. «Eureka ce l’ho fatta, ho 76 anni e ho imparato a inviare delle mail. Grazie grazie» scrive una signora all’autrice del manuale.