Cascetta: «Ora lavoriamo alla prima città ecologica»

La «Città del Sole» è in fase di realizzazione in Spagna dove si utilizzerà soltanto energia solare

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta la guida delle Imprese Lamaro passa nelle mani di Ercole Canali, il marito della figlia di Guglielmo Lamaro, che aveva affiancato il fondatore, Antonio, per diversi anni. Oggi alla guida del gruppo c’è Maurizio Cascetta, approdato in Lamaro a 35 anni, dopo diverse esperienze, compresa quella di una propria società, la Special Team, che si occupava di ristrutturazioni. «Continuavo comunque a esercitare la professione di progettista - racconta l’architetto Cascetta - e in più mi misuravo con i problemi di un’impresa: gestione della forza lavoro, acquisto dei materiali, relazioni con i clienti...».
Racconta: «Era il 1995: ma l'anno della svolta fu il 1997. Lamaro aveva avviato alcune importanti attività immobiliari in società con l’ingegner Camillo Bianchi, che mi segnalò il terreno delle Varesine, all’epoca una zona piuttosto degradata dove c’era la sede storica della Gazzetta dello Sport. Il piano regolatore prevedeva la costruzione di una certa cubatura comprendente un 25% di edilizia convenzionata a locazione per 16 anni. Il Comune però, dopo diversi anni di sostanziale immobilismo, decise di permettere agli operatori di vendere». La costruzione della Torre Galileo segnò «una fase euforica: era cresciuta intorno a noi - spiega Cascetta - anche l’attenzione dei mediatori e degli investitori. Fu così che lanciai quella che non esito a chiamare la scommessa della mia vita. Era il 1998. Parliamo dell’area che un tempo ospitava la fabbrica Motta, un pezzo della storia di Milano. Non eravamo certo i primi a interessarci di quest’operazione ferma da otto anni. Ancora non era cominciata l’era della ristrutturazione edilizia nelle aree della dismissione industriale, e il Monte dei Paschi di Siena vantava un credito rispetto alla società che aveva il terreno. Decisero di accettare offerte di vendita a termine».
L’area Motta fu tra i primi piani di intervento integrato e fece da apripista. «Abbiamo dovuto superare alcune difficoltà - racconta il presidente di Lamaro - ma i problemi oggi sono alle spalle. Lamaro ha riqualificato e riconvertito in edilizia residenziale l’intera area industriale Motta. A Genova, tra il Matitone e la Lanterna, Lamaro Group sta costruendo due torri di 20 e 18 piani, per un totale di 160 appartamenti, uffici, parcheggi interrati e una nuova piazza sopraelevata rispetto alla rete viaria. Ma, forse, l’iniziativa più innovativa la stiamo realizzando in Spagna, dove sta sorgendo la Città del Sole a Val de Luz; qui il gruppo partecipa all’edificazione della prima città ecologica spagnola dove si utilizzerà l’energia solare per il mantenimento delle opere di urbanizzazione».