Case: crollano le vendite, volano gli affitti

da Milano

Case, effetto Usa: crollano le compravendite, frenano i prezzi e aumentano i contratti d’affitto. Sono le previsioni per l’anno in corso del Borsino immobiliare della Confedilizia, illustrate dal presidente Corrado Sforza Fogliani. Come negli Stati Uniti, le famiglie tornano alla locazione a causa della crisi del credito, anche per effetto dei nuovi tassi che hanno reso l’affitto competitivo rispetto alle rate dei mutui. Le previsioni 2008 del Borsino immobiliare - che redige i dati sulla base di rilevazioni di oltre 200 sedi territoriali - stimano un calo dei prezzi delle case intorno al 2%. Per quanto riguarda l’anno appena trascorso, al top del mercato delle compravendite - sempre secondo le rilevazioni di Confedilizia - vi sono le zone pregiate di Venezia (10mila euro al metro quadro), il centro di Roma (7.500 euro mq) e Milano (7.200 euro mq). Nelle zone semicentrali e periferiche, il primato è ancora di Venezia (6mila euro mq), Roma (4.600) e Milano (4.800). Nel Centro Italia acquistare una casa è costato il 42% in più rispetto al Sud e il 2,3% in più rispetto al Nord. Comprare un appartamento di 100 mq a Milano infatti è costato mediamente 393mila euro, 400mila a Roma, 285mila a Torino, 458mila a Venezia, 225mila a Napoli e 150mila euro a Palermo.