Case occupate: 27 gli sgomberi in due mesi

Undici a gennaio, sedici a febbraio. Salgono a ventisette gli sgomberi che il Comune di Milano è riuscito a portare a termine dall’inizio dell’anno nelle case popolari della città. Grazie a diverse querele che la giunta ha deliberato nei mesi scorsi, e che continuerà a fare nei confronti degli abusivi che occupano illegalmente gli alloggi comunali, prosegue senza sosta la lotta dura al fenomeno. Gli stabili da cui Palazzo Marino è riuscito a far «cacciare» gli abusivi nel mese di febbraio sono in via Savona, dei Gelsomini, Giambellino, Lopez, Cismon, Lope De Vega, Creta, Spaventa, Dei Gelsomini, De Predis, Inganni, Maratta, Famagosta, Vittani, Ricciarelli e Uccelli Di Nemi.
«Ringrazio il questore e la polizia - ha affermato il vicesindaco Riccardo De Corato - per la loro costante attività nella lotta al fenomeno delle occupazioni abusive. Questi nuovi dati testimoniano un impegno costante dell’amministrazione comunale e delle forze dell’ordine nell’attività di controllo che ha portato a sgomberare ventisette appartamenti occupati abusivamente nei primi due mesi dell’anno, e che proseguirà ancora nei prossimi mesi».
Questo risultato, ha sottolineato ancora il vicesindaco, «è un’ulteriore conferma della proficua collaborazione tra Comune e forze dell’ordine per garantire legalità e sicurezza e soprattutto per tutelare le famiglie e le persone in condizioni disagiate che hanno diritto alla casa e da tempo attendono una sistemazione».