Case di riposo, gestione ai privati

Lo sciopero degli addetti ai servizi funebri è contro l’esternalizzazione decisa dal Comune. Tutto parte dalle difficoltà di bilancio del Comune: 160 milioni da recuperare. Con l’affidamento dei servizi funebri all’azienda Misef l’Amministrazione conta di recuperare 4 milioni di euro. I sindacati prevedono aumenti dal 100 al 500 per cento, insieme a un peggioramento delle condizioni professionali. Per i sindacati, inoltre, dall’operazione non deriva alcun risparmio, dal momento che Misef sarà un’azienda privata ma completamente controllata dal Comune.
La stessa scelta è stata fatta per tre case di riposo per anziani: saranno affidate in gestione le residenze sanitarie assistenziali «V. Ferrari», «Per Coniugi» e «Famagosta». Il bando prevede l’affidamento delle strutture per 5 anni, prorogabili, a partire dall’aprile 2009 fino al marzo 2014. L’impegno di spesa è di 75 milioni di euro in 5 anni. Il risparmio previsto è di 7 milioni l’anno.