Casini apre a Maroni: "Meglio andare al voto"

Il leader dell'Udc sul futuro della legislatura: "Molto meglio dare la parola ai cittadini, che è sempre un
grande fattore di democrazia"

Casini spera nelle urne. E' questo il messaggio che il leader dell'Udc ha affidato al suo profilo su Facebook. "Con una maggioranza come questa, in stato confusionale, fare una legge elettorale seria e condivisa è come scalare l’Everest a piedi nudi. Molto meglio dare la parola ai cittadini, che è sempre un grande fattore di democrazia". Pier Ferdinando Casini anticipa un "vi sorprenderò" ma entra nel dibattito aperto dalle parole del ministro dell’Interno spiegando di ritenere "che Maroni abbia perfettamente ragione". Via facebook, il leader Udc risponde così a chi gli chiede se "sarà l’ora di cancellare quei listi bloccati" e se, visto che "il dibattito politico sulla riforma della legge elettorale è infruttuoso e dal Parlamento, in tre anni, nessuna riforma", l’apertura dell’esponente leghista all’ondata referendaria non rappresenti "una svolta". "La mia posizione sulla legge elettorale è chiarissima. Sono per il sistema proporzionale tedesco e non ho - chiarisce Casini - alcuna nostalgia per le ammucchiate nè per le decine di minipartiti dell’epoca del mattarellum. Peraltro, il Terzo Polo e l’Udc esprimono un’esigenza reale nel Paese e, con qualsiasi sistema elettorale - avverte - saranno decisivi per governare l’Italia".