Casini: "Bossi vittima di un colpo di sole, noi mai insieme"

Il leader dell'Udc replica al Senatùr: "Consiglierei a Bossi di evitare preoccupanti allucinazioni. Non corriamo il rischio di trovarci assieme". Poi aggiunge: "Berlusconi dice che bisogna essere leali con i propri elettori. Bene, questo vale anche per me. non siamo nemici di Berlusconi siamo semplicemente un'altra cosa"

Vibo Valentia - "Non so se il simpatico Umberto è stato vittima di un colpo di sole o ha bevuto qualche bicchiere di troppo", replica così il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini parlando con i giornalisti a Vibo Valentia, dove ha partecipato, insieme al deputato Roberto Occhiuto, ai festeggiamenti della Stella Maris, facendo riferimento alle dichiarazioni fatte ieri da Umberto Bossi. "In entrambi i casi - ha aggiunto Casini - consiglierei a Bossi di evitare preoccupanti allucinazioni. Non corriamo il rischio di trovarci assieme".

"Anch'io leale con gli elettori" "Berlusconi dice che bisogna essere leali con i propri elettori. Bene, questo vale anche per me". "Gli elettori, due anni fa - ha aggiunto - mi hanno collocato all'opposizione e hanno chiesto a Berlusconi di governare. Perciò Berlusconi governi, mentre noi, all'opposizione, faremo il nostro dovere, prendendo atto delle cose buone che il Governo dovesse fare ed evidenziando ciò che non riesce a realizzare". "Noi non siamo nemici di Berlusconi - ha concluso Casini - siamo semplicemente un'altra cosa. Quindi Bossi stia tranquillo, noi siamo leali con gli elettori".