«Casini deve ringraziare i comunisti»

«Casini ricordi che ciò che gli consente di fare il presidente della Camera è anche il fatto che ci sono stati comunisti che hanno combattuto contro il fascismo». Così il capogruppo Ds a Montecitorio Luciano Violante, a margine di un dibattito alla festa della Margherita in corso di svolgimento a Porto Santo Stefano, risponde pungendo il presidente della Camera e difendendo la tradizione comunista. Parlando alla festa dell’Udeur a Telese, sabato Casini aveva infiammato la platea con queste parole: «È in atto una campagna mistificatoria nei confronti di tutti coloro che sono di centro. Sono di centro e non me ne vergogno. Chi è di centro non di deve discolparsi di qualcosa, casomai si dovrebbero discolpare comunisti e fascisti, che hanno fatto un partito per dimenticare la loro storia. Questo, invece, gli uomini di centro non l'hanno fatto».
L’intervento di Casini aveva provocato una reazione irritata anche da parte di Gianfranco Fini e di tutta An. «È un lessico inaccettabile per la destra», era stato il commento del ministro della Salute, Francesco Storace. Casini gli aveva poi telefonato per spiegare: «Il mio giudizio non aveva niente a che fare con il coraggioso cammino di An».