Casini: "L'Udc? Corsa solitaria con Serra o Albertini"

L’orientamento dell’Udc per le Comunali di Milano? La linea l’ha tracciata ieri sera in città il leader, Pier Ferdinando Casini: «Siamo per una corsa autonoma». Il candidato? «Albertini o Serra, ci sono diverse possibilità, ma rispettiamo il lavoro della Moratti». L’ex presidente della Camera, all’Old Fashion per un incontro con i giovani del partito, ha usato parole chiare: oggi la scelta più probabile è la presentazione di un candidato autonomo, senza chiudere del tutto a un nuovo accordo col Pdl ma senza dare l’impressione di aspettare Albertini: «Achille Serra conosce alla perfezione la città». Serra da parte sua ha parlato già da candidato ai militanti: «Io ce la metterò tutta, sono a disposizione del partito». L’accordo con i finiani, comunque, non è scontato. Di terzo polo parla il leader dell’Api Francesco Rutelli che ieri ha visto proprio Albertini. A colpire l’ex sindaco un sondaggio che darebbe un terzo polo formato da Api, Udc e Fli al 21% delle preferenze, cioè più della somma dei singoli partiti che sono intorno al 15%.