Casini lo scarica Galati cerca posto nella Lega Sud

Roma. Continua la fuga dall’Udc. E mentre a Firenze e provincia più di un terzo dei quadri dirigenti centristi dice addio a Casini e aderisce al Popolo della libertà, in Calabria pare che anche Giuseppe Galati ci stia pensando su. Non tanto a passare nel Pdl, quanto a entrare nella lista dell’Mpa quando Berlusconi e Lombardo risolveranno finalmente il nodo siciliano. E la decisione di confluire in quella che dovrebbe essere la Lega del Sud (l’Mpa si presenterebbe solo nel Meridione sul modello della Lega al Nord) non dipende certo dalla moglie Carolina Lussana, deputata bergamasca del Carroccio, quanto dall’intenzione di Casini e Cesa di preferirgli in lista Roberto Occhipinti, consigliere regionale dell’Udc ed editore di peso in Calabria. Una decisione che Galati, già sottosegretario alle Attività produttive con Berlusconi e oggi segretario di presidenza della Camera, non sembra affatto gradire. Al punto che già sono stati presi i primi contatti per un’eventuale candidatura con l’Mpa. Come andrà a finire lo si vedrà nei prossimi giorni, anche perché finché resta l’impasse nella trattativa tra Berlusconi e Lombardo (con l’azzurro Micciché che sta cercando in ogni modo di far saltare il tavolo) anche Galati è costretto a restare alla finestra.