Casini: "Soli al voto. Giustizia? Sì al dialogo"

"Sì al dialogo sulla riforma della giustizia ma in Parlamento" lo ha dichiarato il leader dell'Udc al termine di un incontro con Silvio Berlusconi. "In questa competizione elettorale correremo da soli", ha aggiunto il segretario Lorenzo Cesa

Roma - "Ci siederemo al tavolo per la riforma della giustizia. Occorre chiudere la stagione di contrapposizione tra potere legislativo e quello giudiziario". Lo afferma Pier Ferdinando Casini, nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio a proposito dell’incontro tra i vertici dell’Udc e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. "Noi chiediamo riforme nell’interesse dei cittadini, siamo pronti ad accettare il dialogo sulla giustizia ma in parlamento, alla luce del sole", ha detto il leader dell’Udc.

"Correremo da soli" "In questa competizione elettorale correremo da soli". È quanto ribadisce il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa al termine dell’incontro tra Pier Ferdinando Casini e Silvio Berlusconi. Su un incontro di oltre un’ora solo cinque minuti sono stati dedicati al tema delle prossime elezioni regionali. Lo fa sapere il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini. "Di elezioni regionali abbiamo parlato non più di cinque minuti", ha detto l’ex presidente della Camera lasciando la parola al segretario Lorenzo Cesa. "Abbiamo ribadito la posizione dell’ufficio politico nazionale che è quella di affrontare le regionali andando da soli per far capire meglio agli italiani la nostra posizione", ha spiegato Cesa. "Siccome sono in corso una serie di conferenze programmatiche regionali e siccome se ci saranno eccezioni le valuteremo con i dirigenti di base sulla questione ci aggiorneremo sia con Berlusconi che con Bersan", ha aggiunto Cesa.

"Ho sollecitato candidatura D'Alema"
"Abbiamo sollecitato Berlusconi a un forte impegno per la candidatura di Massimo D’Alema a ministro degli Esteri europeo". È quanto afferma Pier Ferdinando Casini parlando con i cronisti al termine dell’incontro con Silvio Berlusconi. Il leader dell’Udc ha comunque sottolineato che il premier si sta spendendo lungamente per sostenere la candidatura dell’esponente del Pd.

"Con Berlusconi è stata una rimpatriata"
"Era tanto tempo che non ci vedevamo, abbiamo fatto una rimpatriata...". Così il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, racconta dell’incontro "cordiale e utile" con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi questo pomeriggio a Palazzo Chigi. "Tra me e lui non c’è mai stato un problema personale, ci sono problemi politici e questo anno e mezzo non ci ha certo avvicinato", ha aggiunto.