Casini sospinge Baccini: «Arriviamo al ballottaggio»

«Bisogna evitare che Veltroni vinca al primo turno, perché se arriviamo al secondo turno non si sa come finirà la partita». Il presidente della Camera Pierferdinando Casini parla così al convegno dell’Udc organizzato a Roma. Rivolgendosi direttamente al ministro della Funzione pubblica e candidato sindaco Mario Baccini, Casini lo definisce un uomo con gli attributi. «Perché - spiega - ha avuto il coraggio di sfidare Veltroni. In democrazia non possono esistere monumenti, per questo ci impegneremo per ottenere grandi risultati a Roma. Dopo il 9 aprile le associazioni, le liste civiche, i comitati di famiglie e cittadini si uniranno a noi per sostenere Mario Baccini candidato sindaco».
«Veltroni è il sindaco del neopaganesimo, con lui tutto è effimero, ha fatto di Roma la Romanella e mette pezze a colori su ogni problema», dice Baccini del primo cittadino. Baccini ricorda poi che nell’ultima settimana a Roma sono morti otto centauri a causa delle buche. «Nelle prossime settimane - continua - coinvolgeremo migliaia di cittadini nel concorso “Chi non trova una buca trova un tesoro”, consegneremo un attestato a Veltroni proponendogli di chiedere che le buche siano inserite nel patrimonio dell’Unesco. Inoltre gli presenteremo la ricetta “Salti in buca alla romana”». In vista delle elezioni politiche ed amministrative Baccini sottolinea che il voto all’Udc non rappresenta solo una scelta di simbolo, «ma servirà anche a decidere quale sarà il futuro dei nostri figli nei prossimi anni». Dal segretario regionale Udc Luciano Ciocchetti arriva una proposta: «Bisogna istituire un nuovo fondo per l’edilizia pubblica in cui far confluire il 5-8 per mille del reddito dei cittadini romani». Ciocchetti, capogruppo della Vela alla Pisana, critica la legge finanziaria regionale. «È una legge di chiusura e di basso profilo - dice - per diversi motivi, come l’opposizione alla creazione del Corridoio Tirrenico Meridionale che colleghi meglio Roma con il Sud della Regione».