Caso Abu Omar, D'Alema chiede copia sentenza

Il neo presidente del Copasir, Massimo D’Alema, ha inviato al giudice  Oscar Magi una richiesta per avere copia della sentenza emessa nell'ambito del processo sul sequestro di Abu Omar. Il procedimento era terminato il 4 novembre scorso<br />

Roma - Lo scorso 2 febbraio gli uffici del Copasir hanno richiesto e acquisito copia della sentenza sul sequestro di Abu Omar depositata il primo febbraio scorso per metterla a disposizione dei commissari del Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica. Lo si apprende da fonti all’interno dello stesso comitato, secondo le quali un’analoga prassi è stata già adottata in altre occasioni. Nel documento di oltre 400 pagine il giudice monocratico di Milano Oscar Magi, spiega perchè gli ex vertici del Sismi Nicolò Pollari e Marco Mancini sono stati ritenuti non giudicabili a causa del segreto di stato apposto dai governi Prodi e Berlusconi e poi confermato dalla Corte Costituzionale. La sentenza fu molto critica nei confronti del "segreto di Stato" posto da Palazzo Chigi e della decisione della Consulta di avallarla. Secondo Magi, il Sismi (oggi Aise) era a conoscenza e forse compiacente delle attività che portarono al sequestro dell’ex imam di Milano, Abu Omar. Proprio gli aspetti relativi al segreto di Stato sarebbero quelli di interesse del Copasir.