Caso Abu Omar, la procura solleva conflitto con il governo

Dopo il ricorso presentato dall'esecutivo, anche il tribunale di Milano si appella per un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato. Prodi aveva inovocato il segreto di Stato sul caso del rapimento dell'imam

Milano - E' ancora scontro sul caso Abu Omar. La procura di Milano ha promosso un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato nei confronti del presidente del Consiglio dei ministri, Romano Prodi. Nel ricorso predisposto e depositato dal professor Alessandro Pace, oltre quanto già detto in occasione della risposta al conflitto sollevato dal governo, si osserva che "in ogni caso il segreto di Stato non è opponibile in relazione a fatti eversivi dell’ordine costituzionale come il sequestro di una persona". Il processo per il rapimento dell’imam Abu Omar che coinvolge l’ex direttore del Sismi, Niccolò Pollari e 26 agenti della Cia, è in corso a Milano e la prossima udienza è prevista per lunedì 18 giugno, quando il giudice dovrà decidere se sospendere o meno il processo in attesa della decisione della Corte Costituzionale sul conflitto sollevato dal governo.