Caso Agricola la Procura Coni ricorre alla Caf

Ancora nuvole in viaggio sui cieli della Juventus. La Procura antidoping del Coni, presieduta da Giovanni Verde, ha infatti deciso di ricorrere in appello federale contro la sentenza della Federcalcio che aveva prosciolto per prescrizione il medico sociale del club bianconero, il dottor Riccardo Agricola. Accusato di aver somministrato sostanze dopanti ai giocatori, il dottor Agricola si era autodenunciato all’Antidoping nel giugno del 2000, nel desiderio di fare chiarezza, ma il caso era stato archiviato in un mese.
La giustizia ordinaria era invece arrivata alla condanna, emessa dal Tribunale di Torino nel 2004. Dopo la pubblicazione della sentenza, la Disciplinare aveva riesaminato gli atti e, infine, applicato la prescrizione. Ora, però, il ricorso del Coni alla Caf rimette in discussione la posizione di Agricola.