Il caso «Anna Racconto» è in mostra

Inaugurata nei giorni scorsi «Il caso pittorico Anna Racconto», una mostra personale retrospettiva di pittura dell’artista napoletana Anna Racconto presso Bibliothé Contemporary Art Gallery di via Celsa 5. Nel 1971, il noto giornalista e critico d’arte Carlo Barbieri, definiva l’artista Anna Racconto, come appartenente «(...) a quel gruppo di pittori di tradizione e sentimento prettamente napoletani (in accordo, beninteso, con analoghe correnti genericamente europee) volti alle effusioni irresistibili, divampati del colore (quel colore che diventa, volta a volta, entusiastico o nostalgico, secondo le inflessioni e le vicende dell'anima) (...)». Osservare i quadri e immergersi nel mondo artistico di Anna Racconto risulta ancora oggi un’esperienza insolita, emozionante e a volte anche spiazzante. Nella Napoli degli anni Settanta, dove i valori della tradizione e della società erano custoditi solo dagli uomini, lasciando cosi alle donne pochissima libertà di pensiero e di azione, Anna Racconto seguiva una sua via originale per poter ridare alle donne, attraverso l’arte, uno statuto più equo: da oggetto a soggetto. Fino al 22 gennaio con orario 11-20, sabato 18-24.