Caso Battisti L’Europarlamento al Brasile: rispettate le sentenze italiane

Un Europarlamento semi-deserto ha chiesto ieri alla Corte suprema brasiliana di tener conto delle sentenze di colpevolezza dei tribunali italiani, emesse «nel pieno rispetto dei principi di legalità», quando esaminerà la richiesta di estradizione di Cesare Battisti. Ha detto anche che, se fosse confermato lo status di «rifugiato politico» all’ex militante, questo sarebbe un segno di «sfiducia» nei confronti della Ue. La Corte suprema brasiliana deve decidere se l’uomo va consegnato all’Italia o lasciato libero, come ha deciso il governo brasiliano, riconoscendogli lo status di rifugiato. Il caso sarà esaminato a marzo. Nel frattempo la vicenda è sbarcata al Senato brasiliano con scambi di accuse tra esponenti del Dem, il partito conservatore oggi all’opposizione e del Partito dei lavoratori del presidente Lula.