Il caso Beni Stabili fa boom: distribuisce la cedola e si trasforma in Siiq

È di Beni Stabili uno dei maggiori rialzi di ieri a Piazza Affari: il titolo ha messo a segno un balzo del 10,5% a 0,663 euro per azione, dopo essersi spinto fino a un valore massimo di 0,677 euro, che costituisce il nuovo record del 2010. Ieri l’azionista di riferimento, Foncières des Regions, ha annunciato che ridurrà la sua partecipazione nel gruppo immobiliare dall’attuale 68% al 52,5% attraverso la distribuzione di un dividendo parte in cash e parte in azioni (3,3 euro e 6 azioni per titolo). Si tratta di una «tappa decisiva», come l’hanno definita i soci francesi in una nota, verso l’ottenimento del regime di Siiq (Società di investimento immobiliare quotate, che garantisce alcuni vantaggi fiscali) in quanto «amplia il flottante e riduce la detenzione diretta di Foncières des Regions».