Caso doping Procura Coni sente Basso

La Procura antidoping del Coni aprirà ufficialmente questa mattina (appuntamento alle ore 12) il fascicolo su Ivan Basso. A due mesi dall’esclusione dal Tour de France in base al codice etico applicato dalla sua squadra (il Team Csc), il varesino, professionista dal 1999 e vincitore dell’ultimo Giro d’Italia, potrà finalmente ribattere alle accuse che lo vogliono cliente del medico spagnolo Eufemiano Fuentes e soggetto alle sue pratiche di autoemotrasfusione. Basso, che verrà difeso dall’avvocato Massimo Martelli, si presenterà davanti alla Procura presieduta dall’avvocato Franco Cosenza, avvalendosi di una memoria di trentacinque pagine e di una perizia ematica. Il pronunciamento della Procura antidoping non sarà immediato ma occorrerà attendere almeno un paio di giorni: archiviazione o deferimento alla Commissione disciplinare della Federciclismo?