Il caso Edison e A2A penalizzate da stime e voci di fusione

Risveglio amaro per A2A dopo la presentazione del piano industriale al 2013 e anche per Edison, ieri in netto calo. A pesare sui due titoli, secondo trader e analisti, le prospettive deboli sul settore dell’energia e il ritorno dell’ipotesi di una fusione fra le due società - secondo quanto ha scritto il Quotidiano Energia - che vedrebbe però una spaccatura fra la componente milanese, favorevole, e quella bresciana, contraria. «A2A è stata penalizzata dall’outlook sul settore dell’energia debole con margini in contrazione» - ha spiegato un analista. Banca Leonardo lo ha definito «peggio delle attese», e ha anche tagliato il rating sul titolo a «underweight» da un precedente report. Ieri A2A ha chiuso in calo del 3,84% a 1,37 euro mentre Edison è scesa a sua volta del 4,85% a 0,84 euro.