Il caso Geox scivola (-4,8%) dopo il taglio di ordini e fatturato

Geox ha rivisto al ribasso le stime di ricavi per l’esercizio 2009, attesi non più piatti ma in contrazione del 3-5%, comunicando che il portafoglio ordini primavera/estate, un indicatore del giro d’affari della prima metà dell’anno prossimo, accusa una discesa dell’8%. Le proiezioni, comunicate dal management agli analisti, si sono accompagnate a una decisa correzione di Geox in Borsa: il titolo ha ceduto il 4,8% a 5,16 euro, dopo aver toccato un minimo infraday a 5,04 euro. Il produttore della «scarpa che respira» ha archiviato i primi 9 mesi con ricavi per 780,6 milioni (-2% a cambi correnti), un utile netto di 89,6 milioni (-33%) e un ebitda a 191,9 milioni (213,2 nei primi nove mesi del 2008) contro le attese degli analisti rispettivamente a 788,3, 93,7 e 192,7 milioni.