Il caso-Giornale Spezia e il colore della solidarietà

Compagni sì, ma fino a che punto? Alla Spezia, nella sala del consiglio provinciale, qualcuno il dubbio se l’è posto. E qualcuno, soprattutto, ha deciso di seguire la coscienza, il principio, e non l’ideologia. Così la mozione del centrodestra è passata, anche se solo per un voto. Nove a otto, più due astenuti. Non c’era da approvare il bilancio o una scelta politica che più politica non si può. Si trattava di ribadire un concetto di civiltà, di dire che in Italia la libertà di stampa è garantita, che non sta bene insultare e minacciare un quotidiano che fa il suo mestiere di informare, anche esercitando (...)