Caso Goldman Sachs «Draghi, nulla a che fare con gli swap tra il gruppo Usa e la Grecia»

Il governatore di Bankitalia Mario Draghi «non ha avuto nulla a che fare con le operazioni swap intercorse fra Goldman Sachs e la Grecia». La precisazione ufficiosa viene da ambienti di via Nazionale in risposta a quanto scritto dall’ex capo economista del Fmi Simon Johnson. Secondo l’economista, Draghio dovrebbe dare delle risposte sul caso Goldman per fugare ogni dubbio sulla sua candidatura alla Bce. «L’operazione con la Grecia è stata fatta prima che Draghi arrivasse in Goldman Sachs», si precisa. Inoltre simili operazioni fatte in Italia negli anni ’90, quando Draghi era direttore generale del Tesoro, «avevano il fine di diminuire il costo del debito pubblico, e infatti sono state verificate e giustificate da Eurostat». Anche l’allora commissario Ue all’Economia Pedro Solbes approvò l’operazione, concludono le fonti Bankitalia.