Il caso Hera, sistema flessibile e ottimizzazione dei processi

Hera è una multiutility che opera in Emilia Romagna e che ha focalizzato la sua strategia di sviluppo su tre aree: trattamento dei rifiuti, energia e acqua. Nel 2008 una delibera dell'Authority ha decretato che entro il 2016 tutti i contatori del gas, domestici e industriali, devono essere sostituiti con contatori gestiti remotamente. L'azienda ha voluto cogliere l'opportunità per creare una soluzione flessibile, in grado non solo di recuperare e gestire i dati di consumo degli utenti, ma anche di sfruttare l'investimento per consentire l'analisi e l'ottimizzazione come parte di un progetto importante di trasformazione delle sue infrastrutture. Si è rivolta così a Ibm, che le ha offerto la soluzione più adatta, a partire dall'ottimizzazione dei processi operativi, la gestione degli utenti, la flessibilità e la possibilità di tracciare il profilo dei clienti. Hera sta implementando così la soluzione Ibm Gas Amm (Automated Meter Management), con cui potrà controllare e gestire remotamente i contatori del gas usando reti bidirezionali «two ways peer-to-peer» via sms o radio (Gprs). La soluzione Ibm assicura piena interoperabilità poiché è indipendente dal contatore ed è adattabile a varie infrastrutture It e, grazie all’esperienza di Ibm nel campo dei contatori remoti per l'elettricità, tale architettura garantisce scalabilità e robustezza. La soluzione si basa su protocolli standard ed è sviluppata secondo le funzioni standard J2EE della piattaforma WebSphere ed il formato XML per lo scambio dei dati. La soluzione può così essere integrata via servizi web con ogni tipo di sistema anche tradizionale.
Hera si aspetta, dall'implementazione della nuova piattaforma, di ridurre il total cost of ownership (costi di proprietà) di almeno il 15%. Una riduzione realizzata grazie al fatto che Hera non avrà più bisogno di mandare il personale dai clienti per leggere i dati di consumo e altre informazioni diagnostiche che, invece, saranno raccolti ogni ora di ogni giorno e inviate a un'infrastruttura centralizzata, l'Automatic Meter Management infrastructure, via sms o via gprs. L'analisi dei dati consentirà, come nel mercato dell'elettricità, di tracciare un profilo delle esigenze del cliente, rendendo possibile predisporre offerte personalizzate e aumentare la qualità della fatturazione e del servizio. La soluzione è flessibile e sicura e può essere ulteriormente sviluppata per aumentare le capacità analitiche: già oggi, infatti, è pronta a interfacciare l'applicazione Ibm per i dispositivi mobili e può essere utilizzata anche per relazionarsi con sistemi di misurazione e gestione ulteriormente sviluppati ed evoluti che verranno implementati in futuro in Italia.