Il caso L’Espresso, continua l’effetto «De Benedetti»

Bene il gruppo L’Espresso (+8,22% a 0,79 euro), che mercoledì ha confermato Carlo De Benedetti alla guida. Attribuiti soprattutto a ricoperture - come per altri titoli del paniere principale - i rialzi del titolo del gruppo editoriale, che, dopo essere andato in asta di volatilità, è tornato agli scambi in Borsa nel tardo pomeriggio. Il titolo ha consolidato così i guadagni realizzati la vigilia in scia alla conferma alla presidenza di Carlo De Benedetti che, pur ribadendo la volontà espressa il 29 gennaio di abbandonare tutti i ruoli operativi nelle società di cui è azionista, ha accolto la richiesta di rimanere presidente del gruppo Espresso rivoltagli dal cda all’unanimità. Il gruppo editoriale ha annunciato nel 2008 la discesa dell’utile netto da 95,6 a 20,6 milioni e una flessione del 6,6% dei ricavi netti consolidati.